Come fare buoni affari sull’e-commerce di eBay

Nonostante la diffusione di grandi e-commerce come Alibaba ed Amazon, il mondo degli acquisti online è nato proprio sulle care, vecchie, pagine di eBay: ecco una serie di pratici consigli per fare dei buoni affari proprio tra le aste, e le inserzioni di eBay.

Come fare buoni affari sull’e-commerce di eBay

Nonostante il grande successo di Amazon, e di Alibaba, tutto l’e-commerce moderno è nato lì, sulle pagine dell’ormai mitico eBay, con le sue aste a tempo, o le inserzioni “Compra subito”. Ecco perché, grazie al suo ampio numero di venditori, è ancora il portale in questione il canale privilegiato per fare dei buoni affari, quando si compra in Rete: a patto di seguire alcune semplici indicazioni, quali quelle offerte in questa guida.

Abbiamo visto come, per fare un buon affare su Amazon, si riveli particolarmente utile il ricorso ad un servizio online come “Camel Camel Camel”, che monitora i prezzi dei prodotti, avvertendoci del quando sia possibile comprarli al prezzo desiderato. Qualcosa di simile, in verità, esiste anche per eBay, ancorché meno noto: si tratta del metamotore “CheckAFlip”, che permette di conoscere il prezzo medio di un prodotto, analizzando tutte le inserzioni di Ebay: in questo modo, basterà scegliere un’inserzione il cui prezzo sia al di sotto di quello medio, per ottenere un soddisfacente e proficuo risparmio. 

Sempre restando in merito alla comuni inserzioni “Compra subito”, quelle col prezzo già definito e fisso, ottimi risparmi, e veri affari, si possono ottenere anche con ricerche particolarmente mirate, ottenute grazie all’uso di specifiche parole chiave, e/o appositi operatori. Ad esempio, se cerchiamo un device informatico, ma vogliamo spendere poco, potremo usare le stringhe “+demo”, o “ricondizionato”, per ottenere prodotti usati pari al nuovo. I risultati potrebbero essere molti? Tranquilli: potremo scremarli anteponendo, ad una parola chiave, il segno “-” (es. -esterni, onde visualizzare solo gli hard disk interni). 

Una prassi molto consolidata, che si è soliti usare al mercato rionale, è quella di chiedere lo sconto. Perché non provarci anche su Ebay: basta dare un’occhiata alle inserzioni non ancora chiuse, ma già attive da molto tempo. Contattando il venditore, sarà possibile proporre di chiudere un “Compra subito” ad un prezzo inferiore, ed è verosimile che la controparte, onde realizzare subito, possa anche accettare. Qualora dovesse accadere, per non violare i regolamenti di eBay, dovrete attendere che venga attivata l’opzione idonea che vi consenta di inserire quanto concordato nella messaggeria di eBay. 

Un altro strumento utile, che consente di ottenere buoni risultati su eBay, è la partecipazione delle aste. Queste ultime, infatti, se ben “affrontate”, permettono di comprare ad un prezzo visibilmente più basso quel che, a listino, costerebbe di più: per riuscirci, però, occorre adottare alcuni trucchi, perfettamente legali.

Il primo di questi consiste, quando si partecipa ad un’asta, nel fare ricorso alle offerte massime: in pratica, assieme all’offerta vera e propria, onde cautelarvi di eventuali altrui rilanci, assocerete anche un’offerta più alta, corrispondente al massimo di quello che vi sentite di spendere. Bene: in questo frangente, potete bluffare, e fare un’offerta massima di pochi centesimi di euro superiore a quella reale, pubblica. Va da sé che i competitori, spesso, temendo di doversi spingere troppo in là con le loro offerte, potrebbero non rilanciare, e consentirvi di portarvi a casa l’oggetto ambito, al prezzo da voi desiderato. 

Oltre a questo sistema, infine, è possibile ricorrere ad alcune estensioni per browser che, seguendo le aste al posto nostro, ci comunicheranno quando la nostra offerta sia stata superata, e quanto tempo manchi ancora alla conclusione dell’asta: in tal senso, molto affidabile si rivela l’add-on “eBay per Chrome”, che ha il suo omologo anche per Mozilla, con “eBay per Firefox”. 

Cosa ne pensa l'autore

Fabrizio Ferrara - Ormai preferisco le inserzioni a prezzo fisso, sia su eBay che su Amazon, e - quindi - oriento le mie scelte, ed i miei "trucchi", in quella direzione: sovente avvalendomi di coupon, richieste di sconto, etc. Tuttavia, quando ancora mi cimentavo nelle classiche aste al rialzo, il sistema delle offerte minime, e delle estensioni per browser, mi tornarono utili in più di un caso. La novità vera e propria, anche per me, è rappresentata da "CheckAFlip", un servizio che ho scoperto solo da poco, ma del quale conto di avvalermi ben presto.

Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!