Come fotografare soggetti in miniatura, e dare un effetto realistico

Bisogna riconoscere che c’è qualcosa di affascinante nel fotografare un modellino in una situazione non solo verosimile, ma anche realistica. In questo articolo, alcuni trucchi per trasformare il piccolo in grande.

Come fotografare soggetti in miniatura, e dare un effetto realistico

Modelli in scala ridotta, e giocattoli di vario genere, hanno stimolato l’immaginazione di migliaia di fotografi in tutto il mondo. Ci si può esercitare con centinaia di modellini ma, in questo articolo, ho scelto un modellino di auto in un ambiente realistico, per creare l’illusione di un mondo in miniatura.

Basta prendere un modellino d’auto e metterla nel suo habitat naturale come, ad esempio, un bosco, o un parco. Una volta presi pochi e semplici accorgimenti, sono necessari pochi passaggi per ottenere una fotografia in miniatura ambientata.

Si potrà provare qualsiasi accostamento, da quelli più strani ai più suggestivi. Tutto ciò che occorre è un obiettivo zoom standard, che metta a fuoco a distanze abbastanza ridotte: in realtà, ci sono alcuni punti fondamentali che devono essere molto chiari per fotografare una scena in scala ridotta. 

Affinché il risultato sia convincente, la fotocamera deve essere molto bassa, quindi serviranno un oggetto stabile, e non troppo spesso, per fornirle un appoggio che consenta anche di orientarla. È sufficiente un maglione arrotolato, un sacchetto di fagioli: quest’ultimo metodo può suscitare ilarità ma, in realtà, é un sistema rudimentale ed efficace, usato anche nel cinema per posizionare la macchina da presa o una fotocamera, velocemente su qualsiasi superficie.

Le sue evoluzioni professionali si chiamano “SteadyBag” o “Cinesaddle”, costano tra gli 80 e i 530 euro. E, anziché fagioli, contengono sferette di plastica. Infine, c’è da considerare che si starà a lungo a contatto con il suolo e, quindi, bisogna munirsi di un abbigliamento adatto e confortevole. 

Ed ecco spiegati passo a passo tutti i passaggi per dare un effetto realistico alla tua foto

Come prima cosa, bisogna scegliere una location che funzioni bene in proporzione: per dare un effetto realistico, soggetto e terreno devono essere coordinati. La location è fondamentale per rendere lo scatto realistico. Nel caso di un modellino di auto, si può ambientare in un parco o in bosco, ma bisogna porre attenzione ai grumi della terra, e alle zone di luce: diversamente, nella foto, potrebbero apparire elementi troppo grandi. Attenzione, quindi, anche ad elementi come gli alberi ed i sassi.

Stai più basso che puoi. Sistema la macchina in modo che il centro della lente sia all’altezza dei fari, come se la vedessi a grandezza naturale. Una lunghezza focale intorno a 35 mm sul corpo APS-C, o 50 mm su una fotocamera full frame, andrà benissimo.

Impostazioni sulla macchina. Per ottenere, sullo sfondo, un broken gradevole, non hai bisogno di scattare a tutta apertura, perché sarai molto vicino al soggetto. Prova ad aprire a f/8 per fare in modo che il muso della macchinina sia nitido.

Puoi prendere ispirazione dal lavoro di grandi fotografi, come Nicola Bortolussi: puoi trovarlo al sito www.nicolabortolussi.it.

Cosa ne pensa l'autore

Silvana Franchini - Tutto il fascino della scena si gioca sulla prospettiva. Il modellino non è un’immagine scontornata e posizionata su uno sfondo in post-produzione. Le foto sono scattate con un obiettivo macro, con il diaframma piuttosto chiuso per mettere a fuoco porzioni ridotte dell’immagine, in primo piano o sullo sfondo. Le foto di miniature hanno un vantaggio unico, cioè che ti consentono di sperimentare con una varietà praticamente infinita di ambientazioni differenti, e originali. Rimangono valide la maggior parte delle indicazioni che abbiamo visto nell'articolo con il modellino di macchinina ma, per quanto riguarda lo scenario, si può fare affidamento su tele, stampe, e fotografie retroilluminate. C’è solo da dare libero spazio all'immaginazione.

Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!