Come proteggere la privacy ai tempi di Facebook

Su Facebook sei proprio certo di sapere chi sono le persone che possono leggere quello che tu scrivi e vedere le tue foto? Vediamo assieme alcune impostazioni per proteggere la nostra privacy.

Come proteggere la privacy ai tempi di Facebook

I social network hanno trasformato la nostra voce in uno scambio di scritti, ricercabili, tracciabili e permanenti. È assai importante esserne consapevoli perché il famoso detto ” verba volant, scripta manent” non è mai stato più attuale come nell’era dei social network. Vediamo quindi assieme come mettere ordine nella nostra vita virtuale.

Le informazioni sono sempre pubbliche

Il nome e le foto che metti come foto di profilo e copertina di Facebook sono sempre visibili a tutti, ovviamente tranne a chi hai bloccato.

Il controllo della privacy

Sia da smartphone che da pc o tablet puoi entrare nel menù e arrivare al controllo della privacy per verificare chi può vedere i tuoi post. Puoi impostare diverse opzioni: tutti, solo amici, o amici tranne…: puoi vedere le applicazioni che hai autorizzato, chi può vedere i tuoi dati di contatto e la tua età.

Cambiare la visibilità di un tuo post

Su ogni post che vai a pubblicare, c’ è una piccola icona. Ti appare un piccolo mondo se è visibile a tutti, le figurine se è visibile solo ad alcuni. Cliccandoci sopra, puoi modificare la visibilità prima di una qualsiasi pubblicazione.

I post degli altri

Gli amici posso taggarti in una foto. Controlla chi può o chi non può farlo nelle impostazioni. Se un amico ti tagga, sarai visibile nella sua e nella tua bacheca.

Pensa prima di pubblicare

Prima di mettere online un post, una foto o altro, fermati e pensa un attimo. A volte, presi dalla foga o dalla cattiveria o invidia, fai sapere al mondo intero cose che magari sarebbe meglio non rendere pubbliche. Purtroppo, il web ha una memoria molto lunga e pensa a chi potrebbe leggere quelle parole o vedere quelle foto. Se ritieni che tutto sia ok procedi, altrimenti pubblica il contenuto visibile solo a te e – in un secondo momento, a mente fredda – ripensaci.

Sistema le liste

I contatti che hai su Facebook non sono tutti uguali. Hai gli amici che conosci da sempre, i conoscenti, i parenti stretti o solo chi ti ha chiesto l’amicizia per caso. Per questo, Facebook permette di gestire una serie di liste. Ci sono quelle predefinite degli amici stretti, e dei conoscenti, ma puoi crearne tu in base alla confidenza, e senza che loro si accorgano di nulla.

Puoi bloccare altri utenti

È una misura drastica e mai ci si vorrebbe arrivare, ma se una persona ti offende o ti aggredisce verbalmente, lo puoi bloccare. L’utente bloccato non potrà più leggere nulla di te o vedere nulla. Però, in caso di molestie gravi, cyberbullismo o ripetute e gravi molestie, non limitarti a bloccare: la legge si applica anche per ciò che facciamo online.