Come realizzare le playlist musicali in base al proprio umore

Un tempo, gli album si sceglievano in base alle copertine: nell'epoca del suono de-materializzato, la musica si cerca per parole chiave. Tuttavia, è possibile cambiare approccio, e realizzare delle playlist sulla base del proprio stato d'animo. Ecco come.

Come realizzare le playlist musicali in base al proprio umore

Avete mai notato che, quando avete un determinato stato d’animo, tendete ad ascoltare sempre la musica di un certo genere, o con un particolare bitrate? Non è un caso: proprio per questo motivo, sono nate diverse applicazioni che permettono di creare delle playlist sulla base del proprio mood, stato d’animo, umore, emozione. Vediamo le migliori, in ambito mobile e web based.

In ambito mobile, un’applicazione molto utile per ascoltare musica in base al proprio stato d’animo è “SoundR Music”: l’app in questione (presente anche per iOS, ma col nome – leggermente differente – di “SoundR – Feel your Music”) è gratuita. senza banner pubblicitari invasivi, e non richiede nemmeno la creazione di un account (per quanto, sfruttando Facebook, è possibile salvare le proprie playlist).

Una volta scaricata ed avviata l’app SoundR, la sua schermata principale ci mostrerà diverse sfere: scegliendo quelle contenenti i nomi dei generi musicali, si creeranno delle playlist di genere, un po’ come già ora può essere fatto su Spotify. Diversamente, ed è questa la novità, tippando una di quelle recanti un’emozione (es. crazy, happy, excited, love, etc) o un’esigenza/attività (relax, run, sleep, dream, morning), sarà possibile creare una hitlist personale che farà da coreografia al proprio habitus interiore. 

Creata la playlist, sarà possibile ascoltarla in sequenza, o scorrerla in verticale, saltando qualche canzone, ed aggiungendone qualche altra alla lista dei propri brani preferiti: attribuendo, poi, un like (in forma di cuore) o un dislike (cuore barrato), sarà possibile contribuire al machine learning di SoundR che, valutazione dopo valutazione, imparerà a proporre compilation musicali sempre migliori e più attinenti. 

A parte questo, delle precisazioni sono necessarie: esiste la lente di ricerca in alto a destra ma quest’ultima funziona solo con termini indicativi generi musicali, o emozioni. Dimenticatevi, quindi, il proposito di usare l’app à la YouTube per cercare quella data canzone, artista, o album. Inoltre, quasi mai saranno disponibili le canzoni in versione originale: l’audio è sempre molto buono ma, nel complesso, il database di SoundR contempla – più che altro – cover e riarrangiamenti.

Un altro sistema molto utile per scegliere la musica in base all’umore è la web app “Stereo Mood”, accessibile tramite qualsiasi web browser: entrati in questo sito, basterà scegliere lo stato d’animo (es. positive, study, calm, inspired, etc), l’autore musicale preferito, per poterne ottenere una sequenza di brani in linea con le proprie opzioni. In questo modo, ad esempio, potremo scoprire la fase pop di Sting (epoca Police), quella più blues (Fields of Gold), quella più rockeggiante e adrenalinica (Brand New Day), etc. 

Molto simile al precedente, ma basato sui colori, è la web app “Predominant.ly”. La HomePage di questo servizio è più minimalista che mai, e mostra semplicemente un arcobaleno (o una tavolozza cromatica): tippando o cliccando su un punto in particolare – sulla base dell’assunto che i colori sono legati alle emozioni (e viceversa) – sarà possibile scegliere degli album la cui copertina (indipendentemente dal genere musicale, o dall’anno di pubblicazione) abbia la medesima predominanza cromatica della tonalità da noi preferita (indicata dalle coordinate della scala RGB).

A questo punto, sarà possibile ascoltare delle anteprime in ogni album, fare degli acquisti musicali su iTunes, od optare per la creazione di una playlist “cromatica” da salvare su Spotify, e condividere via social (Facebook/Twitter) o tramite email. Ottimo anche per scoprire nuovi artisti, o rivivere l’emozione di chi, un tempo, sceglieva gli album dei vinili, sfogliandone le variopinte ed artistiche copertine. 

Cosa ne pensa l'autore

Fabrizio Ferrara - Tempo fa, era l'inizio della primavera, cercavo un modo per creare delle playlist originali da utilizzare nel corso delle mie passeggiate in campagna: le comuni applicazioni da web radio non mi soddisfacevano, e così ho preso a navigare ed a fare delle ricerche in Rete. Settimana dopo settimana, mi sono imbattuto in applicazioni mobili, web-app, siti web, che permettevano di scegliere musiche in base a determinati parametri: in questa guida ho inteso raggruppare le migliori soluzioni che offrono la possibilità di accompagnare musicalmente i propri stati d'animo. Buon ascolto.

Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!