Come recuperare le password dimenticate dei servizi web

Il web è pieno di siti che, per offrire servizi personalizzati, richiedono l'inserimento di una qualche password. Non sempre, però, si riesce a ricordare le proprie credenziali: per fortuna, in questi casi, basterà seguire i semplici passi qui elencati.

Come recuperare le password dimenticate dei servizi web

Molti siti internet – ad esempio, quelli di notizie – erogano i loro servizi in chiaro. In alcuni casi, però, occorre loggarsi per entrare in aree a noi riservate, ove – per esempio – si potrà leggere la propria posta elettronica, consultare le foto salvate online, la cronologia delle chat o delle posizioni geografiche, i rispettivi movimenti bancari etc. Da ciò, se ne deduce che ogni giorno siamo costretti a memorizzare e richiamare decine e decine di password, a volte anche molto complesse: può, quindi, capitare che – talvolta, magari a causa di un vuoto di memoria – non se ne ricordi qualcuna di cui si ha bisogno. Ecco, a tal proposito, una serie di utili consigli per recuperare le password internet salvate

La prima soluzione proposta potrà sembrare scontata. Dovendo recuperare l’accesso ad uno dei tanti servizi web based, si può fare ricorso alla procedura che ciascuno di questi servizi ha già predisposto ad hoc: quasi sempre si tratterà di indovinare la risposta ad una domanda di sicurezza, o di farsi spedire un codice di sblocco ad una mail accessoria precedentemente fornita, o al proprio numero di cellulare. In alcuni casi, ad es. in Gmail, potrà essere richiesto di indovinare una password usata in precedenza, o di ricorrere all’autenticazione a due fattori (con relativo swipe su app mobile). 

Molto più rapido, se si è presa l’abitudine di far memorizzare le password ai browser, è il procedimento che prevede di interrogare i “password manager” di questi ultimi.

Nel caso di Edge, il browser predefinito di Windows 10, basta entrare nella sottosezione “avanzata” delle sue impostazioni, e cercare il link “Gestisci password salvate”: qui troveremo l’elenco, diviso per sito web, delle password che ne abilitano l’accesso. 

Qualora il browser preferito sia Firefox, della Mozilla Foundation, si dovrà cliccare sulla voce “Accessi salvati”, collocata nella pagina che si aprirà incollando – nella barra degli indirizzi – la stringa “about:preferences#security”. Eseguito questo passaggio, se in precedenza non è stata impostata una master password, o password principale, basterà scegliere il sito del quale si vuole recuperare la password, e cliccare sulla voce “Mostra password”. 

E chi usa Chrome? In questo caso, sempre tramite le relative impostazioni avanzate, ci si dovrà recare nella sezione “Password e moduli”, per avere accesso alla “Gestione password”: quivi, sarà ubicato il consueto elenco dei siti gestiti, in corrispondenza di ciascuno dei quali sarà possibile visualizzare la relativa password (previo il ricordo, però, della password associata al proprio account amministrativo su Windows).

Oltre al sistema sin qui visto, valido – con i dovuti correttivi – per tutti i browser esistenti (compresi Opera e Safari), vi è un altro modo, forse il più rapido e semplice, per recuperare le password di internet che siamo soliti salvare nei browser: stiamo parlando del ricorso al programma, gratuito, “WebBrowserPassView”. Il tool in questione, sviluppato dalla Nirsoft in versione portable, mostra in chiaro le password associate all’account principale di tutti i browser installati sul PC.

In genere, questo “rimedio” va piuttosto bene quando si è l’unico utente ad usare il proprio browser: quando, invece, quest’ultimo è usato – in regime di multi account – anche da altri utenti (es. i membri della famiglia), il programma poc’anzi suggerito va sostituito da serie di tool (es. ChromePass, FirePasswordViewer, PasswordFox, e IE PassView), specifici per ogni browser, in grado di fare il medesimo lavoro su più account. 

Cosa ne pensa l'autore

Fabrizio Ferrara - Il recuperare le password di questo o quel sito è qualcosa a cui, prima o poi, tutti vanno incontro. Non si scappa: sia che si abbia l'abitudine di tenerle a mente (per chi ha quest'abilità, ben condita da mnemotecniche), o che si preferisca farle memorizzare ai propri browser. Capita sempre che si arrivi al punto di doversi loggare in un sito, e di non ricordarne le relative credenziali: in quel caso, è inutile farsi prendere dal panico. Quasi sempre la soluzione è dietro l'angolo e, con buona fortuna, la troverete proprio tra le righe di questa guida.

Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!