Come effettuare uno screenshot in ambiente Windows

Quante volte, usando un PC, avete avuto la necessità di immortalare quanto appariva a schermo, per condividerlo, o semplicemente per conservarne memoria? Ecco una serie di passaggi che renderanno semplicissima quest'abituale routine.

Come effettuare uno screenshot in ambiente Windows

Molto spesso può essere necessario operare, in Windows, uno screenshot di quanto appare sullo schermo, onde poter segnalare un problema al proprio sistema, o magari fornire un tutorial di quanto appena realizzato. Anche l’opportunità di annotare quanto appare a schermo è un qualcosa di assolvibile attraverso il ricorso allo screenshot: vediamo, dunque, come “scattare un’istantanea” al Desktop, ed a quanto ivi contenuto.

Un primo sistema adottabile, senza troppa fatica, per eseguire lo screenshot in ambiente Windows (fino alla versione 10 Creators Update, fresca di lancio) consiste nel premere, sulla tastiera, il tasto “Stamp”, o “Print-Scr” (print screen). A questo punto, basta aprire un programma di grafica – anche il semplice Paint – e incollavi, con la combinazione CTRL+V, quanto precedentemente depositato negli Appunti.

Più completo ancora è il secondo metodo, che permette di realizzare gli screenshot in Windows: in questo caso, si può premere il tasto Windows sulla keyboard, e – nel contempo – tenere premuto Stamp (o Print-Scr): lo schermo sussulterà per un istante, a conferma che lo scatto è avvenuto, e – recandoci nella sotto cartella “Screenshots” autogeneratasi nella cartella Immagini – troveremo lo screenshot poc’anzi effettuato.

Nell’eventualità che si debba realizzare l’istantanea solo della finestra, dell’app, o del programma, in primo piano, è possibile avvalersi di un’altra combinazione di tasti, che si sostanzia nella pressione contemporanea di Alt e Stamp (o Print-Scr): espletato questo passaggio, e depositato in appunti lo “scatto”, basterà aprire Paint, e incollarvi – come visto in precedenza – quanto realizzato. 

Ovviamente, le necessità sono le più disparate, e non è raro che ci si trovi nella situazione di dover salvare solo una particolare area dello schermo: in questo frangente, sempre Windows ci mette a disposizione una nuova combinazione. Premendo simultaneamente il tasto Windows, lo Shift (o Maiusc), e la S, il Desktop si sbiancherà e sarà dominato da un cursore a forma di “+”, che rappresenta lo strumento, a disposizione dell’utente, per “incidere”, o delimitare, l’area di proprio interesse. Anche in questo caso, a lavoro concluso, basterà aprire Paint, per potervi incollare – con CTRL+V – quanto selezionato poco prima.

E per chi non fosse particolarmente versato nel ricorrere alle combinazioni da tastiera? Se questo è il vostro caso, niente paura: in Rete, è disponibile – in forma gratuita, e modalità portableil programma Lightscreen. Una volta avviato, quest’ultimo permetterà di immortalare tutto lo schermo, o solo una porzione del medesimo, e di “agganciare” l’elemento specifico che si vuole oggetto di uno screenshot: tra le varie opzioni del tool in questione, la possibilità di scegliere il formato del fermo immagine (jpg, png, bitmap), e la facoltà di caricarlo online (su ImgUrl, o servizi similari) al fine di condividerlo con i propri contatti. 

Altre notizie interessanti

Cosa ne pensa l'autore

Fabrizio Ferrara - Tantissime volte, nel corso del mio lavoro, mi sono trovato nella necessità di dover realizzare il fermo immagine di un programma che sto utilizzando, onde spiegarne le peculiarità principali. In altri casi, lo screenshot mi torna utile per condividere annotazioni su un particolare, o per segnalare qualcosa che non mi torna in ambiente Windows: avere sotto mano una pratica guida, come questa, per fare gli screenshot mi è stato molto utile e, quindi, ho pensato di metterla anche a vostra disposizione.

Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!