Come liberarsi dei ricordi del proprio ex partner, e guadagnarci anche

Può capitare che, proprio a San Valentino, si chiuda una storia ormai agli sgoccioli e che, quindi, divenga necessario liberarsi di alcuni regali, diventati emotivamente ingombranti: ecco un vademecum delle migliori "app mercatino" utili allo scopo.

Come liberarsi dei ricordi del proprio ex partner, e guadagnarci anche

San Valentino, ormai, volge a conclusione, e ci si avvicina al 15 Febbraio, giornata in cui si celebra San Faustino, il patrono dei single: secondo un report dell’e-commerce app “Shpock”, il numero dei single sarebbe in crescente aumento anche in Italia, con sempre più persone che si lasciano alle spalle storie tormentate, e sofferenze emotive non da poco. Oltre, ovviamente a ricordini di cui si farebbe volentieri a meno: ecco, quindi, come far piazza pulita, e guadagnare dall’ex, grazie alle famose app “mercatino”

Tornando al report realizzato da Shpock, quella di conservare i regali dei propri ex è una prassi coltivata dal 25% degli italiani: considerando che a tali oggetti, spesso regalati con le migliori intenzioni, sono associati ricordi dolorosi, di una persona che fa più parte della propria vita, potrebbe essere il caso di mettere in pratica il vecchio adagio “lontano dagli occhi, lontano dal cuore“. Dunque, ciò premesso, perché non liberarsi degli strascichi del passato, guadagnando qualcosa per costruire il proprio percorso di rinascita?

A pensarlo devono essere non poche persone, posto che diversi e-commerce online pullulano di inserzioni nelle quali oggetti anche di un certo valore sono venduti con sconti notevoli, pur di consentire al proprietario di disfarsene. Certo, bisogna far ricorso alle applicazioni giuste, per massimizzare il risultato: in tal senso, le migliori sono la classica “eBay”, “Depop”, e “Shpock”. 

“eBay”, disponibile per Android e iOS, è la companion app dell’omonimo portale delle aste online, e permette di mettere in vendita, anche con la formula del “Compro Subito”, ogni sorta di oggetto possibile: basterà stabilire un titolo rappresentativo, scegliere la categoria idonea, caricare una foto dell’articolo, e completare il tutto con il prezzo, e le condizioni di spedizione/reso.

Molto simile, e collegata, è l’app multipiattaforma “Kijiji”, sempre del gruppo eBay, che permette di creare delle inserzioni online simili, funzionalmente, ai bigliettini apposti nelle bacheche di negozi, esercizi pubblici, biblioteche, etc: il vantaggio è che, per le inserzioni, non si paga il servizio, né commissione alcuna (al massimo, le funzioni extra, relative alla promozione). In entrambi i casi, è possibile associare PayPal, l’app per i pagamenti elettronici del gruppo eBay, e rimpolpare in tempo reale il proprio conto corrente digitale.

Un’alternativa interessante, al mondo eBay, è rappresentata da “Depop”, app multipiattaforma frutto dell’ingegno italico, seppur con prestiti dal modello americano delle “garage sales”, le vendite svuota garage, o solai, tanto popolari negli States. Anche in questo caso, è possibile creare un’inserzione, corredandola di foto “reali” dell’articolo messo in vendita, con le dovute precisazioni sulle relative caratteristiche, e sul prezzo di vendita, e di spedizione: per i pagamenti ci si può appoggiare a PayPal, in modo da garantire ambedue le parti ma, tuttavia, è anche possibile accordarsi per lo scambio a mano, o per forme di pagamento alternative (es. i bonifici). Interessante è il fatto che, col tempo, quest’app si sia popolata anche con negozi, o designer, che vendono le loro creazioni e, quindi, seguendone i profili, è possibile accaparrarsi, al prezzo di ciò che si è venduto, articoli davvero originali.

“Shpock”, dall’incrocio dei termini “shop” (negozio) e “pocket” (tasca), si propone come mercatino delle pulci tascabile, in forma di app per Android e iOS: una volta iscritti, con un account base, sarà possibile visionare le offerte più interessanti nei propri paraggi, o filtrare le ricerche per prezzo e categoria. Ovviamente, è anche possibile mettere in vendita un articolo, redigendo una propria inserzione, e interagendo – via messaggistica interna – con le persone che, nelle vicinanze, si dovessero mostrare interessate. Grazie ad alcuni acquisti in-app, è possibile accedere a funzionalità premium, come la promozione del proprio articolo messo in vendita: utile se si tratta di oggetti di un certo valore, superfluo se si tratta di vendere il cavo da bungee jumping che, sadicamente, vi ha regalato la vostra ex. 

Altre notizie interessanti

Cosa ne pensa l'autore

Fabrizio Ferrara - Ovviamente, l'abbiamo messa un po' sul ridere. Ritrovarsi tra le mani l'oggetto di una persona per la quale si prova ancora qualcosa, o che - diversamente - ha causato non poche sofferenze, non è certo una passeggiata di salute. In tal senso, però, tenere un feticcio di quella persona, non serve a nulla, se non a stare peggio: per questo motivo, può essere utile liberarsi dei vecchi regalini. Abbiamo citato diverse "app mercatino" utili allo scopo ma, in realtà, va anche bene il regalare i presenti: il buttarli, no. Perché, in fondo, una cosa che per una persona rappresenta un dolore, per un'altra può anche segnare l'inizio di un qualcosa di bello. In tal senso, è anche possibile cedere i propri ricordini a prezzi simbolici (zero), e salutarli definitivamente...

Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!