Fermacravatta: come e quando indossarlo

Fermacravatta: cos'è, a cosa serve e come indossarlo? Ecco ciò che dovrete sapere riguardo ad uno degli accessori di stile preferiti dai businessmen di tutto il mondo

Fermacravatta: come e quando indossarlo

Fermacravatta e stile: quanto può contare questo accessorio per il vostro look? Per strano che possa sembrare, date le esigue dimensioni dell’oggetto in questione, la risposta è: molto. Il fermacravatta, insieme ai gemelli da camicia, è infatti uno degli accessori maschili più discreti, ma al contempo più eleganti che possano accompagnare una scelta di outfit prettamente formale. E molto del suo fascino risiede proprio nella sua capacità di determinare il buongusto di un uomo in pochi, pochissimi centimetri.

Originariamente, come suggerisce il nome, il fermacravatta era utilizzato unicamente per tenere ferme le cravatte, “svolazzanti” per vocazione. Specialmente quando si è di fretta, o quando ci si ritrova a camminare per strada: bastano poche folate -e nemmeno troppo forti- per scomporre la vostra cravatta, facendola oscillare da una parte all’altra come un pendolo impazzito. Un effetto reso ancor più comico specialmente in caso di pattern fantasia.

Saper fare un nodo impeccabile alla cravatta non è dunque sufficiente a mantenere il giusto aplomb: è necessario anche che quest’ultima non s’imbizzarrisca al primo alito di vento. E qui entra in gioco proprio il fermacravatta, in tutta la sua naturale eleganza: un tempo semplice “gingillo” utile ad evitare sembrare impacciati e disordinati, assurto oggi a vero e proprio accessorio irrinunciabile per molti businessman, ed altrettanti appassionati di quella sottocategoria dell’eleganza propria degli uffici “da piani alti”.

Fermacravatta-come-e-quando-indossarlo

Fermacravatta: ecco come si mette

Il fermacravatta si è evoluto con il passare degli anni, ed in virtù della sua crescente popolarità quale accessorio di moda, acquisita negli ultimi decenni, ne sono state sviluppate diverse tipologie, per andare incontro alle differenti esigenze di look degli amanti di questo accessorio. Ad onor del vero è necessario premettere che ora, dopo un periodo di esplosivo successo, questo accessorio sembra aver preso la via di un graduale declino. Eppure sono ancora in tanti ad avvalersi del suo fascino e delle sue prestazioni.

Come per tutti gli accessori di moda, dicevamo, ne esistono diversi tipi: il fermacravatta Tie Chain presenta ad esempio una catenina decorativa allacciata alla parte rigida (quest’ultima andrà attaccata ad un bottone), il Tie Tack ha una fascetta che troverà posto tra i bottoni, mentre il Tie Bars è caratterizzato da striscioline metalliche che andranno a cingere la cravatta. Particolarmente fortunata è stata anche la versione del fermacravatta Tie Clips, che va assicurato a guisa di molletta (a “clip”): semplice ed intuitivo, da infilare e sfilare in un click.

Fermacravatta-come-e-quando-indossarlo

Ovviamente i vari modelli differiscono anche per foggia: esistono infatti fermacravatta in oro, fermacravatta in argento, ed i più appassionati ricorrono addirittura ad un fermacravatta personalizzato. Ma come si porta? Ovviamente dipende dai gusti, ma anche dagli abiti che deciderete di indossare.

Una giacca aperta ad esempio, vuole il fermacravatta disposto tra il 3° ed il 4° bottone della camicia, mentre se la vostra giacca sarà abbottonata, di norma il fermacravatta andrà inserito al centro del segmento di cravatta scoperto e ben visibile. Ad ogni modo, etichetta vuole che questo accessorio non vada mai posizionato più su del terzo bottone (partendo dall’alto), altrimenti rischierebbe di portarvi in dote un aspetto alquanto goffo.

Altre notizie interessanti
Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!