Nuova Audi Q3 2.0 TDi Sport: più comoda che ricca

Accogliente e costruita con cura, è una Suv media e facile da guidare. Ma la dotazione di serie va integrata. Notevole Comfort e finiture interne curate, ma il baule è poco pratico

Nuova Audi Q3 2.0 TDi Sport: più comoda che ricca

Questa nuova Audi Q3 a trazione anteriore (2.100 euro per la versione 4×4) è confortevole e ben rifinita; parco e non troppo rumoroso il motore. I 150 cavalli erogati dal 2.0 a gasolio non ne fanno una vettura sportiva e la spinta ai bassi regimi non è un granché.

Vistoso il frontale, dalle forme ben marcate. Una spessa cornice cromata collega la mascherina ai fari, rendendola più prominente. Il tetto, ben raccordato al lunotto inclinato, rende filante la zona posteriore. Alta però la soglia di carico. L’auto è intuitiva e facile da guidare, con un cambio manuale preciso e freni efficaci. Nelle curve percorse ad alta velocità la carrozzeria s’inclina parecchio e la risposta dello sterzo diventa meno naturale.

Secondo Omniauto, in città, va molto bene sul pavé, con le sue dimensioni contenute e gli ammortizzatori efficaci nel filtrare sanpietrini e rotaie. Al motore però manca un po’ di prontezza e la frizione non è molto leggera. Si guida senza difficoltà fuori città, nella modalità Dynamic, lo sterzo acquista più consistenza e il 2.0 è più vispo e reattivo. In autostrada viaggiando a 130 km/h la voce del motore non disturba, ma per riprendere i giri del motore bisogna per forza scalare marcia.

Provata da alVolante, la vettura accelera da 0 a 100 km/h in 9.4 secondi (9.6 dichiarati dalla casa) e raggiunge la velocità di 203 km/h. I consumi sono contenuti (16/4 km/l). L’abitacolo è ben fatto: materiali di buon livello, finiture e montaggi curati. Il pacchetto S line aggiunge particolari che impreziosiscono l’ambiente: come gli inserti in alluminio. In quanto ad abitabilità, quattro adulti hanno parecchio spazio a disposizione, mentre il quinto deve fare i conti con la forma del divano che privilegia chi siede ai due lati.

La posizione di guida è corretta e quasi tutti i comandi sono disposti razionalmente: fanno eccezione quelli nella console, per il “clima” e il sistema multimediale (2.360 euro). Per il Bluetooth e il cruise control occorre aggiungere al prezzo (che già non è abbordabile) ben 1.430 euro e per avere il navigatore bisogna acquistare anche il volante multifunzione e il cavo adattatore (in tutto con non meno di 1.895 euro).