Telepass: a cosa serve e come richiederlo

Per evitare le lunghe code ai caselli autostradali esiste il servizio Telepass, grazie al quale non dovrete fermarvi per il pagamento del pedaggio, ma potrete proseguire indisturbati verso la vostra meta

Telepass: a cosa serve e come richiederlo

Se state progettando di andare in vacanza in auto, per una gita low cost alla scoperta delle meraviglie che il territorio italiano sa regalare o semplicemente perché guidare è la vostra passione, dovrete mettere in conto anche il traffico e le lunghe code ai caselli autostradali, che potrete però evitare utilizzando il Telepass.

Siamo certi che, a prescindere dal giorno in cui deciderete di partire, nello stesso giorno partiranno tante altre migliaia di italiani che affolleranno il vostro stesso casello e, quasi come fosse una maledizione, saranno proprio tutti davanti a voi. E a rendere ancora più insopportabile l’attesa, sotto il sole cocente, sarà proprio la vista di quelle auto che, con fare disinvolto e spensierato, passeranno attraverso la corsia riservata al Telepass, senza fare code spesso lunghissime e pregustando già la brezza di montagna o le acque fresche delle località balneari.

Se quest’anno avete deciso di approfittare anche voi di questo incredibile vantaggio, ecco una breve guida che vi spiega meglio a cosa serve il Telepass e come fare per averlo, allietando in questo modo la vostra vacanza ma anche i vostri frequenti viaggi di lavoro in auto, guadagnando tempo e riducendo lo stress tipico di tutti gli automobilisti in coda nel traffico.

Telepass: a cosa serve e come richiederlo

A cosa serve il Telepass

Il Telepass è un servizio che permette, come già anticipato, di transitare attraverso i varchi dedicati e pagare il pedaggio autostradale senza doversi fermare al casello. Per fruire di questo vantaggio è necessario installare sul parabrezza della propria auto (o della propria moto a seconda dei casi) un piccolo dispositivo che manderà un segnale ai ricevitori installati nei caselli, registrando così il vostro passaggio ed addebitando sul vostro conto il pagamento del pedaggio.

Il pagamento del pedaggio attraverso Telepass non prevede nessuna commissione aggiuntiva, a prescindere dalla modalità di pagamento che può essere carta di credito, conto corrente bancario o conto postale.

Vi sono diverse tipologie contrattuali di Telepass ma le più diffuse sono:

  • TELEPASS CON VIACARD: dedicato a coloro che viaggiano spesso in autostrada sia con mezzi privati che con veicoli ad uso commerciale;
  • TELEPASS FAMILY: è quello richiesto dalla stragrande maggioranza di utenti, per autoveicoli ad uso privato abilitati al trasporto di persone.

Ad un abbonamento Telepass possono essere associati al massimo due veicoli (sia auto che moto), le cui targhe devono comunque essere registrate sul contratto sottoscritto con Telepass S.p.A. Non è contemplato, invece, il caso contrario: dunque, per ogni veicolo può essere registrato un solo contratto Telepass.

Telepass: a cosa serve e come richiederlo

Come richiedere il Telepass

Bisogna innanzitutto sottolineare che il Telepass non si acquista, ma viene fornito con un contratto di locazione, con una spesa addebitata trimestralmente pari a 3.78 euro iva inclusa, mentre il costo del singolo pedaggio è esente da sovrattasse. Potrebbe essere, pero, previsto dal proprio istituto di credito una commissione per ogni singola transazione che in ogni caso non può essere superiore ad 1.55 euro.

Fino a 258,23 euro la fatturazione è trimestrale, altrimenti diventa mensile con l’addebito di una quota associativa mensile di 3.72 euro fino al rientro nei limiti prefissati.

Con particolare riferimento al servizio Telepass Family, questo può essere richiesto comodamente online sul sito www.telepass.it avendo a portata di mano l’IBAN del conto corrente o i dati di una carta di credito.

Per volesse avere, invece, il tradizionale contatto fisico, potrà recarsi in uno dei Punto Blu o Telepass Point distribuiti sul territorio nazionale, sempre con i dati del conto o della carta, dove verrà sottoscritto il contratto e ritirato subito l’apparato personale.

Potrete anche richiedere il Telepass Family presso la banca in cui siete correntisti, nel caso in il vostro istituto aderisca al servizio. Potrete consultare l’elenco delle banche convenzionate direttamente sul sito ufficiale di Telepass.

Infine, per chi avesse un ufficio Poste Italiane proprio sotto casa ed è correntista Banco Posta, esiste anche la possibilità di sottoscrivere il contratto Telepass allo sportello e ritirare il kit entro 3 giorni dalla richiesta.

In tutti i casi è necessario conoscere e comunicare le targhe da associare al servizio, presentare un documento d’identità in corso di validità del contraente ed una eventuale delega firmata, a corredo della documentazione, nel caso in cui non si presenti il diretto interessato.

Telepass: a cosa serve e come richiederlo

Conclusioni

Come avrete letto, avere un Telepass è un’operazione semplicissima che richiede davvero poco tempo ed ha un costo praticamente irrisorio, che vi permetterà di viaggiare in modo più confortevole e rapido, riducendo al minimo una delle maggiori fonti di stress per chi sta al volante.

A tal proposito, sarebbe bene che prima di partire ci si rinfreschi la memoria su tutte le operazioni di manutenzione base di un veicolo, così da non essere colti impreparati nel caso ci si trovi nella condizione di dover misurare le pressione delle gomme, cambiare uno pneumatico o far partire l’auto con la batteria scarica.