Come trasformare uno smartphone Android in un BlackBerry Phone

Blackberry, assieme al suo secondo smartphone Android based (il DTEK50), ha messo a disposizione dell'utenza anche le principali app vanto della celebre mora nera. Con BlackBerry Hub+ e BBM potrete trasformare i vostri recenti smartphone Android in un vero BB!

Come trasformare uno smartphone Android in un BlackBerry Phone

La canadese Blackberry sembra aver preso la sua decisione. Di device con BlackBerry OS se ne vedranno sempre meno ed il recente DTEK50, una sorta di Alcatel Idol 4 rebrandizzato, sembra indicare che i prossimi device di quest’azienda saranno prodotti da altri, ma ottimizzati (lato software) dai suoi laboratori. Questo, però, apre scenari piuttosto interessanti anche per coloro che non hanno un BB: infatti, nel PlayStore di Android, hanno iniziato a far capolino delle applicazioni che ci consentiranno di trasformare ogni smartphone Android 6.0 in un vero BlackBerry!

La prima di queste app è il BlackBerry Hub + che, come dice il nome, è un hub, ovvero un accentratore di tutto quanto può esser usato per comunicare ed organizzare il proprio lavoro con gli altri. In questo Hub, infatti, andranno a finire le telefonate (fatte, ricevute, perse), gli SMS, le chat dei messenger (es. Whatsapp), le notifiche dei social (es. Facebook o i post di Instagram) e le immancabili email. 

Siccome, però, la finalità di quest’app non è solo quella di accentrare la comunicazione ma anche quella di farci perdere meno tempo, al suo interno troveremo anche l’accesso al Calendario, per programmare o condividere eventi (o anche solo per aderirvi) ed al Password Keeper, per la gestione delle password e dei vari log-in.

Quanto costa tutto ciò? È gratuito per 30 giorni, dopodiché avrete 2 alternative: o tollerare della pubblicità, o corrispondere di 0,99 centesimi di euro al mese per avere, come plus, anche un launcher, la gestione delle note e dei contatti, un tool per realizzare task o routine, etc.

Da segnalare che, in ogni caso, BlackBerry Hub + sarà utilizzabile solo su dispositivi che abbiano almeno Android 6.0 Marshmallow e che verrà richiesto il download (dal PlayStore) di un servizio suppletivo, ovvero di BlackBerry Hub+ Services.

L’altra app che possiamo adoperare per trasformare il nostro device in un più sicuro e produttivo BlackBerry è BBM, ovvero l’utilizzatissimo sistema di messaggistica sviluppato dalla casa della mora nera.

Una volta registrati ed attivato un account, potremo scambiare qualsiasi genere di contenuto, compresi la posizione geografica (con Glympse), un pagamento (con Paypal), o delle simpatiche chat arricchite di stickers. Anche i video possono essere condivisi con i nostri contatti e la durata dei medesimi è stata incrementata.

Un’altra novità del rinnovato BBM consiste nel fatto che le videochiamate viaggeranno sul Wi-Fi e, quindi, sono diventate gratuite perché di fatto non eroderanno il nostro traffico dati. Non meno interessanti sono le funzionalità simil-Snapchat: chat a tempo, chat private, modifica successiva dei messaggi già inviati. Un po’ ferraginoso il sistema di inviti dei contatti: in compenso quest’app è totalmente gratuita.

Fabrizio Ferrara

Cosa ne pensa l'autore

Fabrizio Ferrara - Sul messenger dei BlackBerry, trovo che sia davvero un peccato il suo esser così complesso nell'aggiungere i contatti: troppe opzioni e poco intuitive. Per il resto, come si suol dire, è tanta roba! Ci si può fare praticamente di tutto: vuoi la privacy, hai gli strumenti idonei. Vuoi le video-chiamate che WA non ha ancora? Ci sono anche quelle e sono di buonissima qualità. Avanti anni luce rispetto a Whatsapp, anche se assai poco diffusa tra i miei contatti. L'Hub di BlackBerry, invece, campeggia in pianta stabile sul mio smartphone ed è di una comodità incredibile nel gestire comunicazioni ed impegni vari: decisamente, per chi usa il telefono per lavoro, un qualcosa di insostituibile.

Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!