Vacanze estive 2018: le app che non devono mancare sullo smartphone

Le vacanze sono alle porte. È meglio non farsi trovare impreparati. Ecco le applicazioni che si consiglia di scaricare sul proprio smartphone o tablet. Ognuna di esse ha un ruolo ben preciso.

Vacanze estive 2018: le app che non devono mancare sullo smartphone

Il mese di agosto è vicino e sempre più italiani al giorno d’oggi prenotano le vacanze dal proprio smartphone. Questi ultimi dispositivi, però, non sono utili solo prima di partire, ma possono diventare veri e propri compagni fedeli per trascorrere al meglio le giornate sotto all’ombrellone, in campeggio o in viaggio per il mondo.

Quelle che andremo ad analizzare a breve sono diverse tipologie di applicazioni, alcune di esse specifiche per viaggiare e utili per la distribuzione delle spese, mentre altre consentono di facilitare la comunicazione con altre persone, soprattutto quando si esce dal territorio italiano. 

Le app da scaricare sullo smartphone

Iniziamo subito con le applicazioni dedicate alla lettura. Le vacanze, generalmente, sono il momento ideale per riprendere i libri e le letture messe in pausa alcuni mesi prima, magari proprio l’anno scorso al termine delle ferie. Per non rendere pesanti i bagagli con i libri, è possibile scaricare l’app Kindle su Android e iOS, oppure iBooks, se avete un iPhone o un iPad. 

Un’altra app consigliata è quella di Fidelity House, in modo da restare aggiornati sulle ultime novità e sui vostri interessi, anche se siete a migliaia di chilometri da casa. Google Maps, è il navigatore ideale. Su tutti i telefoni Android, dovrebbe essere già preinstallato nella cartella dedicata ai servizi di Google. In alternativa è possibile trovarla nel Play Store o nell’App Store (se avete un iPhone). Quest’ultima applicazione consente di vedere anche i percorsi dei mezzi pubblici e le varie fermate. 

Un altro tipo di applicazione da installare sul device riguarda quelle che consentono di localizzare bar, ristoranti e pizzerie. La più utilizzata è Yelp: funziona ovunque e le recensioni sono ottime. In alternativa c’è TripAdvisor, altrettanto famosa e utilizzata. Quest’ultima rispecchia di più le usanze italiane e consente di trovare anche hotel e B&B. Google Trips è l’applicazione che organizza in modo automatico i propri viaggi. Infatti, è capace di leggere le mail delle prenotazioni che arrivano sull’account Gmail e, mettendo insieme le destinazioni, consente di dare un’anteprima del percorso con suggerimenti su ciò che c’è da visitare, cosa fare, e cosa scoprire. 

Se si viaggia in un paese in cui non c’è l’Euro, è importante avere a portata di mano un’app che mostri in tempo reale la conversione di valuta. XE Currency fa al caso nostro: basta avere una connessione ad internet e la valuta si aggiorna in tempo reale. Se, invece, si fa un viaggio di gruppi e si ha la necessità di annotare le spese da condividere, è possibile utilizzare l’app Split che calcola in automatico la gestione dei soldi suddividendola per i singoli membri del viaggio. Quindi, si ha a portata di mano quando bisogna dare o ricevere ad ognuno dei nostri amici. Si clicca, infatti, su “Regola Conti” e l’applicazione indica a chi trasferire il denaro.

Altre app consigliate sono Google Translate, Lonely Planet (che consente di acquistare le guide scaricabili su smartphone), e VPN. Quest’ultima consente di nascondere la reale localizzazione dello smartphone su Internet e può proteggere i propri dati sensibili quando si ha accesso ad una rete pubblica gratuita. Infatti, c’è il rischio che qualche infiltrato possa rubare i dati di accesso al proprio conto o cose simili. 

Infine, c’è da consigliare AirHelp, un’applicazione che consente di semplificare la procedura di rimborso biglietti, qualora un volo fosse cancellato o ritardato per guasti. L’app, infatti, controllerà se c’è la possibilità di chiedere il rimborso e tratterrà una piccola percentuale se l’operazione va a buon fine.