Ecco perché molti uomini pensano che la fine della relazione sia colpa delle donne (1 di 2)

Quando una relazione finisce, spesso accade che i due partner finiscano per rimbalzarsi le colpe l’un l’altro, anche se facendo il computo delle situazioni che hanno portato alla rottura nella maggior parte dei casi entrambi sono responsabili a vario titolo. Oggi vedremo nello specifico le motivazioni che spingono gli uomini a pensare che la causa del “bad ending” siano state le loro compagne. Il primo è il fatto che l’uomo sente addosso molta della responsabilità del rapporto: la sua felicità dipende da me, non posso sgarrare! Si tratta di una situazione di stress difficile da tollerare.

Un altro motivo che spinge gli uomini a pensare che la fine di una relazione sia colpa delle loro fidanzate è il fatto che queste possano essere titubanti nei loro confronti. Ora, mettiamo le cose in chiaro: tutti abbiamo avuto dei trascorsi più o meno fortunati e non è semplice riuscire a fidarsi subito di una nuova persona con uno schiocco di dita. Eppure tanti uomini, quando sono davvero cotti, soffrono il fatto di non essere ritenuti “l’uomo della vita” già dopo le prime settimane. Ragazzi, andate con calma!

Il terzo motivo che produce situazioni di questo genere è l’atteggiamento di molte donne che tende troppo al perfezionismo, specialmente nelle relazioni. Anniversari, compleanni, primi baci, date varie, cene in famiglia, uscite con gli amici, vacanze di coppia…tutto dev’essere perfetto o si rischia la crisi isterica. In queste situazioni gli uomini sono tendenzialmente molto più tranquilli e “permissivi” nei confronti delle dimenticanze e degli imprevisti, e detestano che la propria donna “dia di matto” per un nonnulla.