Annullare una fattura elettronica inviata due volte all’SdI: ecco come fare

Dall'1° gennaio 2019 è in vigore la fatturazione elettronica. Si è tanto parlato di questo argomento, ma ancora non tutti ne conoscono i dettagli tecnici: ecco, quindi, la procedura per annullare una fattura elettronica inviata due volte.

Annullare una fattura elettronica inviata due volte all’SdI: ecco come fare

La rivoluzione della fatturazione elettronica continua a destare non poche preoccupazioni in tutte le attività economiche, perché tutti i soggetti interessati (commercianti, industriali, liberi professionisti, etc) dall’1° gennaio 2019, oltre ad emettere la fattura elettronica (qui come conservarla), devono anche “subirla” per i beni o i servizi che a loro volta acquistano.

Si è tanto sperato in una proroga dell’applicazione di questo obbligo ma, a differenza di altre volte, ciò non è avvenuto: ricordiamo che non sono ancora obbligati alla fatturazione elettronica i soggetti che utilizzano il regime fiscale dei minimi, il regime forfetario, e coloro che svolgono attività nel settore agricolo.

Dato per scontato che il venditore prima dell’1° gennaio si è già munito di un software per la preparazione della fattura elettronica in formato appropriato (xml) ed ha tutti i codici necessari per l’accesso ed invio al sistema di interscambio della Agenzia delle Entrate (sdi), cosa accade se per un motivo qualunque (anche un semplice errore di connessione) inavvertitamente procede all’invio dello stesso documento fiscale due volte, e lo stesso viene accettato dal sistema di interscambio?

Tecnicamente, l’unico modo per neutralizzare la doppia emissione della fattura elettronica è quello di inviare in seguito una nota di credito elettronica, anche se il Sistema di Interscambio, prima di consegnare la fattura elettronica al destinatario, effettua tutta una serie di verifiche mirate proprio ad intercettare ed impedire il nuovo inoltro di una fattura elettronica già trasmessa e elaborata allo stesso destinatario.

Ricordate però che questa individuazione automatica del doppio invio avviene solo ed esclusivamente se i dati contenuti all’interno della fattura e relativi all’identificativo cedente/prestatore, anno della data fattura e  numero fattura, coincidono con quelli di una fattura precedentemente trasmessa e già accettata dal sistema di interscambio, e per la quale non sia stata inviata al trasmittente della fattura una ricevuta di scarto.

Vincenzo Granieri

Cosa ne pensa l'autore

Vincenzo Granieri - La fatturazione elettronica è un altro passo che conduce l'Italia ad allinearsi agli altri paesi europei. È importante capire che l'obbligo di adozione di questa procedura ha comunque dei vantaggi, poichè aiuta gli uffici tributari a snellire le verifiche fiscali, abbatte drasticamente il fenomeno dell'evasione fiscale e, sicuramente, riduce lo spreco di carta per la conservazione di tutte le documentazioni.

Commenti
Maria Guerricchio
Maria Guerricchio

09 gennaio 2019 - 09:23:26

E per le fatture non pagate? Dov è la possibilità di emettere a sospeso?

0
Rispondi