WhatsApp: broadcast, chat di gruppo e auto messaggi

La piattaforma di messaggistica WhatsApp, pur essendo la più utilizzata, ha ancora qualcosa da rivelare. Che differenza c'è tra un gruppo e una lista broadcast? È possibile mandare dei messaggi a sé stessi?

WhatsApp: broadcast, chat di gruppo e auto messaggi

Le piattaforme di messaggistica sono diverse: Messenger, WhatsApp, Hangoust, Skype, Viber, Telegram e tante altre. Molti utenti ne utilizzano più di una cercando di restare in contatto con i propri amici, colleghi e parenti. A volte si comunica in fretta, senza conoscere fino in fondo le possibilità che l’app scelta offre.

Tra le app di messaggistica più diffuse indiscutibilmente c’è WhatsApp. Utilizzata dai piccoli e dai grandi, dai giovani e dagli anziani, permette di tenersi in contatto, a basso costo, mediante testo, foto, file vocale e video scegliendo di inviare un messaggio a una o a più persone in contemporanea, come avviene nelle chat di gruppo.

I membri di un gruppo WhatsApp si trovano, per così dire, in una stessa stanza, e tutti vengono messi al corrente di uno stesso contenuto attraverso un messaggio in arrivo. Dare una notizia a tutti in una sola volta è molto pratico. Molti però si lamentano perché i troppi messaggi in arrivo disturbano: per questo è bene entrare nel gruppo da silenziare, quindi cliccare sui tre puntini in altro a destra e disattivare le notifiche.

Creare un Nuovo gruppo è facile. Una volta entrati in WhatsApp, basta cliccare sui tre puntini in altro a destra, scegliere Nuovo gruppo e selezionare le persone da inserire e dare un nome al gruppo. Chi crea un gruppo è amministratore, quindi può aggiungere e togliere i partecipanti, rinominare il gruppo, inserire un’immagine di profilo, nominare altri amministratori e anche eliminare il gruppo creato. 

Ed è proprio creando un Nuovo gruppo che è possibile auto inviarsi dei messaggi, soluzione utile in molte situazioni. Si crea un Nuovo gruppo e si inserisce un solo contatto (dopo aver avvisato la persona), quindi si finalizza l’operazione dando il nome al gruppo. A questo punto si cancella l’unico contatto inserito e si resta da soli nel gruppo. Ecco che i messaggi importanti di una qualsiasi chat possono essere inoltrati al gruppo in cui figuriamo soltanto noi.

Una lista broadcast di WhatsApp è diversa da un gruppo, ma si crea esattamente come si fa per un gruppo: cliccare sui tre puntini in altro a destra, scegliere Nuovo broadcast, selezionare le persone da inserire e dare un nome alla lista. Queste persone riceveranno lo stesso messaggio, non come avviene in un gruppo, ma direttamente. L’ora d’invio di ciascun messaggio, in basso a sinistra, sarà preceduta dal simbolo di un altoparlante che permette di capire che si tratta di un messaggio inviato ad una lista di cui non conoscono i partecipanti. Eventuali risposte non sono visualizzate dagli altri appartenenti la lista.

Marilena Carraro

Cosa ne pensa l'autore

Marilena Carraro - Secondo me il potersi inviare un messaggio è una cosa molto utile: a me è successo più volte di sentirne la necessità. Mi rendo conto che il meccanismo sia estremamente facile. Anche il broadcast secondo me è utile. Spesso s'inviano messaggi a gruppi e tutti rispondono attirando l'attenzione anche là dove non tutti sono interessati. L'invio di un broadcast è uguale per tutti, poi però s'instaura un dialogo personalizzato.

Commenti

Non ci sono ancora commenti su questo contenuto. Scrivi la tua opinione per primo!