Ginocchio gonfio: cosa fare, cause principali e rimedi

Ecco tutto quello che dovete sapere se avete un ginocchio gonfio, a volte per un trauma, a volte all'improvviso e senza apparenti spiegazioni. Ecco cosa fare, a chi rivolgersi e come guarire con rimedi naturali o medicinali

Ginocchio gonfio: cosa fare, cause principali e rimedi

A un certo punto vi ritrovate con il ginocchio gonfio e non sapete perché è successo e cosa dovete fare. Avete preso una botta? Sì perché il ginocchio può gonfiarsi in seguito a una botta, ma anche poco alla volta dopo un infortunio o senza una causa nota.

Insomma, siete preoccupati: cosa può nascondersi dietro al ginocchio gonfio e dolorante? Qui vi spieghiamo quali sono le cause principali che possono aver portato al gonfiore, cosa è meglio fare, quali sono i rimedi e le cure che faciliteranno il ritorno alla forma originaria e sana del vostro ginocchio.

Ricordate che a volte il gonfiore può essere asintomatico, altre volte si avverte un dolore dietro al ginocchio. Non bisogna comunque entrare nel panico, ci sono tutte le possibilità di risolvere il problema al meglio. Chiaro che il ginocchio è un’articolazione importante, ci permette di muoverci, ma anche di piegarci. Quindi scoprire subito di cosa si tratta può anche anticipare la terapia migliore per stare bene e riprendere a fare i movimenti consueti.

Il ginocchio potrebbe far male in seguito ad un trauma
Il ginocchio potrebbe far male in seguito ad un trauma

Perché ho il ginocchio gonfio?

Potrebbe essere una cisti di Baker oppure semplicemente un trauma che ha causato la rottura di piccoli vasi sanguigni (per esempio: fratture articolari o legamenti rotti). Il ginocchio gonfio dopo una botta ha subito uno stravaso di sangue (chiamato emartro) dentro la capsula articolare. Qui c’è la membrana sinoviale che nutre e lubrifica l’articolazione. In questo caso il ginocchio si gonfia velocemente.

Può esserci un’infezione. E allora, sale la produzione di liquido articolare, con dentro il pus. Il ginocchio si può gonfiare pure a causa di una passeggiata impegnativa in montagna, che fa aumentare la produzione di liquido sinoviale. Si tratta di un gonfiore passeggero che si risolve spontaneamente.

Si parla di sinovite quando il gonfiore è graduale e non ci sono stati traumi evidenti a carico della parte. La tumefazione è causata da un’eccessiva produzione di liquido sinoviale, determinata da malattie croniche come l’artrosi, l’artrite reumatoide, altre forme di artrite. Oppure ci sono patologie specifiche a carico della membrana sinoviale.

Può essere infine la conseguenza di un intervento chirurgico (sostituzione dell’articolazione con una protesi). In questi casi, il gonfiore svanisce diversi mesi dopo l’intervento, ma il dolore sparisce prima. Si parla in questi casi di ginocchio gonfio senza dolore.

Il medico vi consiglierà il giusto percorso fisioterapeutico
Il medico vi consiglierà il giusto percorso fisioterapeutico

Ginocchio gonfio: che faccio?

Applicare del ghiaccio è importante per rallentare il flusso sanguigno e ridurre in questo modo il gonfiore e il dolore. Il ghiaccio va utilizzato a intervalli di dieci minuti. Praticare la compressione, per ridurre il gonfiore, utilizzando bende elastiche o ginocchiere. Ci si può rivolgere al farmacista chiedendogli farmaci antinfiammatori non steroidei (Fans). Una quarta possibilità può essere l’aspirazione del liquido presente dentro il ginocchio tramite l’ago. Operazione eseguita da un medico. Dopo l’aspirazione, il liquido potrebbe riformarsi.

Esistono anche le infiltrazioni di cortisone, che è un ormone steroideo che, sopprimendo il sistema immunitario, riduce sia l’infiammazione sia il dolore (ma attenzione alle infezioni). Niente più ginocchio gonfio e dolorante, dopo le infiltrazioni. Trattandosi di cortisone, non se ne può abusare naturalmente, a causa degli effetti collaterali.

Se l’applicazione di ghiaccio e di bende elastiche o ginocchiere sono interventi, diciamo così, di pronto soccorso, sarà poi il medico a proporre sia farmaci, sia aspirazione del liquido sia infiltrazioni a base di cortisone.

Ginocchio gonfio: gli impacchi tolgono l'infiammazione
Ginocchio gonfio: gli impacchi tolgono l’infiammazione

Rimedi naturali per il gonfiore al ginocchio

Se il gonfiore al ginocchio dura più di 48 ore ed è accompagnato da febbre o forti dolori, bisogna fare accertamenti medici. E, naturalmente, evitare di fare peso sul ginocchio finché non si è sgonfiato. Si può tenere un impacco di argilla verde tutta la notte sopra alla parte.

Il ghiaccio è un rimedio naturale soltanto nelle prime 24 ore dopo un infortunio e dopo la comparsa/acutizzazione del dolore. Si può appoggiare il piede su alcuni cuscini durante la notte, in modo da avere le caviglie a un’altezza più elevata del cuore. Se si ha l’artrosi al ginocchio, non bisogna dimenticare di fare alcuni esercizi di riabilitazione, come stretching e tonificazione muscolare. Entrambi aiutano a riscaldare e allungare i muscoli, sono molto utili dopo lunghi periodo di riposo.

Gli esercizi fisici regolari sono utili per migliorare forma fisica e tono muscolare. Scegliere una ginnastica dolce come lo yoga o il nuoto. In caso di obesità, è il caso di rivedere la dieta. Il troppo peso crea più pressione sulle articolazioni e sui muscoli, soprattutto su ginocchia e caviglie, finendo per danneggiarle o creando dolore.

Infine, c’è la massoterapia, da associare ad altre terapie. La terapia manuale favorisce il rilascio di endorfine e altre sostanze chimiche antidolorifiche e una circolazione del sangue regolare.