Lombosciatalgia: sintomi, rimedi ed esercizi

La lombosciatalgia è una patologia di cui soffrono milioni di italiani: ecco tutto quello che c'è da sapere e quali sono gli esercizi per ridurre i fastidi ad essa correlati

Lombosciatalgia: sintomi, rimedi ed esercizi

La lombosciatalgia, nota anche come radicolopatia lombare o sciatica, è una condizione dolorosa che si avverte nella zona lombare e si può estendere fino agli arti inferiori. È dovuta alla compressione o infiammazione del nervo sciatico in tutta la sua estensione a differenza della lombocruralgia che interessa il nervo crurale.

Questa tipologia di dolore è molto comune e le sue cause possono essere differenti; sono particolarmente a rischio chi fa lavori pesanti, gli sportivi e chi fa una vita troppo sedentaria. Può manifestarsi anche nei soggetti che hanno problemi di natura ortopedica, muscolare o scheletrica.

Il dolore associato alla condizione può essere acuto e diventare cronico e può comportare difficoltà nella deambulazione o l’immobilizzazione temporanea. Per questo motivo, il mal di schiena non deve mai essere sottovalutato. Il medico, infatti, potrà definire la tipologia del dolore e prescrivere farmaci o suggerire una terapia adeguata.

È dovuta alla compressione o infiammazione del nervo sciatico
È dovuta alla compressione o infiammazione del nervo sciatico

Lombosciatalgia acuta: cause principali

Questa patologie è una conseguenza di una compressione o infiammazione dei nervi, spinali lombari e sacrali, che costituiscono il nervo sciatico. Le cause possono essere molteplici. Il dolore può essere conseguenza, infatti, di un’ernia, una compressione di un disco spinale, una stenosi spinale, una spondilolistesi, la sindrome del piriforme o un tumore spinale.

Altre cause sono da attribuire al sollevamento di pesi nel modo scorretto o continuo, alla torsione ripetitiva del busto e ai microtraumi. Sono considerati fattori di rischio, la sedentarietà poiché i muscoli non allenati perdono tono a danno della colonna; l’obesità, le posture scorrette, l’artrite e il diabete.

Lombosciatalgia: sintomi

Si manifesta principalmente con il dolore; questo può essere più o meno acuto in base alla causa che ha generato l’infiammazione del nervo sciatico. Il dolore può essere avvertito su un lato del corpo o essere bilaterale ed estendersi lungo tutta la gamba fino al piede.

L’algia che interessa l’arto può essere anche associata alla sensazione di ricevere delle piccole scosse e può comportare anche la sensazione di formicolio, indolenzimento, alterazione della sensibilità e debolezza muscolare. Questi sintomi possono irradiarsi anche alle zone circostanti.

Il dolore tende a peggiorare quando si fanno sforzi, con i colpi di tosse o gli starnuti. La condizione si aggrava anche quando si trascorrono troppe ore seduti nella stessa posizione.

In caso di dolore al nervo sciatico la prima cosa da fare è recarsi da un medico per un consulto
In caso di dolore al nervo sciatico la prima cosa da fare è recarsi da un medico per un consulto

Conseguenze

La lombosciatalgia può seriamente debilitare chi ne soffre. Non è raro, infatti, che chi soffre di sciatica non riesca a camminare o a svolgere le più comuni e semplici azioni della quotidianità. In alcuni casi, i pazienti perdono totalmente o parzialmente la sensibilità della zona colpita e avvertono un forte senso di debolezza. Un’altra conseguenza da evidenziare è la perdita del controllo delle funzioni intestinali e vescicali.

Cura e trattamento

In caso di dolore al nervo sciatico la prima cosa da fare è recarsi da un medico per un consulto. Lo specialista, infatti, a seguito dell’anamnesi e della visita al paziente potrà suggerire degli accertamenti quali RX, TAC, Risonanza magnetica ed elettromiografia.

Per curare i sintomi, specialmente se si tratta di lombosciatalgia acuta, in base ai casi, il medico potrà prescrivere dei farmaci. Si tratta di antidolorifici e antinfiammatori, FANS e corticosteroidi, e miorilassanti.

È fondamentale anche fare riposo assoluto fino quando il dolore al nervo sciatico non diminuisce. Solo quando la causa è legata alla presenza di un’ernia lombare, il neurochirurgo valuterà se sottoporre il paziente ad intervento chirurgico.

Alcuni esercizi possono alleviare i sintomi della lombosciatalgia
Alcuni esercizi possono alleviare i sintomi della lombosciatalgia

Esercizi per la lombosciatalgia

Il medico potrà anche suggerire al paziente degli esercizi mirati per la schiena o richiedere il trattamento fisioterapico. Gli esercizi adatti per il disturbo sono quelli indicati per l’allungamento della colonna vertebrale. Fare stretching è un modo per prevenire ma anche per curare il mal di schiena.

In posizione supina, quindi con la schiena sul pavimento, in prossimità di un muro e sollevate le gambe su di esso. Le braccia dovranno essere posizionate lungo il corpo. L’esercizio consiste nello schiacciare la schiena verso il basso facendo uso degli addominali.

In posizione di quadrupedia, allungate in avanti le mani e avvicinate i glutei alle caviglie; restate in questa posizione per qualche secondo e ritornate alla posizione iniziale. Nella stessa posizione di partenza, eseguite la gobba del gatto. L’esercizio consiste nel flettere ed allungare la colonna vertebrale e cervicale mentre si inspira e espira.

Nella stessa posizione, allunghiamo braccio destro in avanti e gamba sinistra indietro mantenendo gli addominali ben contratti. Questi esercizi di base, se eseguiti con regolarità, potranno ridurre i rischi di incorrere nel dolore acuto o cronico.