Tosse stizzosa notturna: cause e rimedi naturali

La tosse stizzosa, ovverosia senza la produzione di muco o catarro, è un sintomo tipico di molte infiammazioni: ecco cosa significa e come rimediare.

Tosse stizzosa notturna: cause e rimedi naturali

La tosse è una problematica comune che può coglierci in qualsiasi momento della stagione e della giornata, per le cause più disparate. Sappiamo che questo fenomeno si divide in due categorie distinte: la tosse grassa e la tosse stizzosa (o secca).

A volte possono bastare semplicemente un po’ di polvere nell’aria, un bolo alimentare o anche solamente qualche goccia d’acqua andati “di traverso” (vale a dire senza prendere la via dell’esofago) per farci scatenare in veri e propri attacchi di tosse incontrollata. Anche patologie di gravità risibile come un semplice raffreddore possono portare una persona a tossire ripetutamente fino a quando non sarà guarita, a causa del costante accumulo di muco nelle vie aeree.

Quello della tosse secca persistente è un problema molto comune che prevede, rispetto alla variante “grassa”, una chiusura della rima glottidea con conseguente riapertura della stessa contemporanea all’innalzamento del palato molle, senza che però vi sia la presenza di qualsivoglia forma di espettorato (catarro o muco). Per questa specifica ragione la tosse stizzosa viene definita anche “non produttiva”. Vediamo dunque quali sono le condizioni e le patologie che determinano la sua insorgenza ed in cosa differisce dalla tosse grassa.

Tosse stizzosa: cause e sintomi

La tosse secca è una tosse che si riscontra tipicamente in tutte quelle patologie infiammatorie che interessano i bronchi, nonché nelle patologie che colpiscono la pleura (la membrana che avvolge singolarmente ogni polmone). Il picco degli attacchi si registra solitamente nelle ore serali e notturne, per questo molti la definiscono tosse stizzosa notturna, nonché nelle prime ore dopo il risveglio. Per questa motivazione chi soffre di questa tipologia di sintomo può incontrare molta fatica nell’addormentarsi, dovendo fare continuamente i conti con gli spasmi muscolari provocati dai colpi di tosse.

La tosse stizzosa è tosse secca senza espettorato, al contrario della tosse grassa.
La tosse stizzosa è tosse secca senza espettorato, al contrario della tosse grassa.

Altra caratteristica della tosse stizzosa persistente è il dolore che può provocare al petto ed alla gola, accompagnato in alcuni casi da nausea e vomito. Dal momento che la tosse è solamente il sintomo di uno stato alterato delle mucose respiratorie, qualsivoglia irritazione di queste ultime può provocare forti episodi di tosse anche passeggeri. Per questa ragione la tosse secca e stizzosa può comparire senza alcun preavviso e durare solamente per pochi minuti, o al contrario protrarsi anche per diverse settimane nel caso di serie patologie a monte (come laringiti, cardiopatie di vario genere, asma bronchiale o tumori).

Febbre e malessere generalizzato sono altri sintomi che spesso si accompagnano alla tosse secca stizzosa, per il semplice motivo che si tratta di eventi tipici di determinate patologie (come ad esempio le sindromi influenzali stagionali) che concorrono nel loro insieme a formare un quadro sintomatologico preciso e ben noto. Voce rauca e dolori alle articolazioni possono anch’essi emergere in caso di influenza, mentre sintomi meno comuni (ma comunque diffusi) sono le eruzioni cutanee, episodi di sanguinamento gengivale ed alitosi.

La tosse grassa o secca, se persistente, può essere un indicatore di svariate patologie.
La tosse grassa o secca, se persistente, può essere un indicatore di svariate patologie.

Tra le patologie tipicamente correlate alla tosse stizzosa, oltre a quelle già citate troviamo broncopneumopatia cronica ostruttiva (talvolta associata anche alla tosse grassa), la sarcoidosi, l’edema polmonare, la laringite, la pertosse, la polmonite, la tubercolosi, le allergie ed alcune tipologie di tumore. Inoltre l’inquinamento atmosferico e l’abitudine a fumare sono due importanti fattori contestuali che possono contribuire significativamente a far emergere o a peggiorare episodi di tosse stizzosa.

Tosse stizzosa: rimedi

Quando veniamo colpiti da questo disturbo sappiamo che possiamo contare su un nutrito stuolo di rimedi naturali, i quali da secoli – o addirittura millenni – vengono tramandati di generazione in generazione e fanno parte di quel bagaglio di conoscenze pratiche che possono essere utili per fronteggiare i problemi più comuni e meno gravi. Questi comprendono ad esempio l’assunzione di tè o altri infusi caldi, miele e latte (rimedio particolarmente gettonato in presenza di tosse grassa con catarro da sciogliere).

Sintomi da non trascurare sono invece il battito cardiaco accelerato, la disidratazione, i disturbi del sonno, rigonfiamenti pronunciati in corrispondenza di gambe e soprattutto caviglie, perdite di peso improvvise ed apparentemente immotivate, minzione particolarmente frequente, difficoltà respiratorie e ad articolare adeguatamente le parole (linguaggio compromesso). In questi casi infatti è possibile che la tosse stizzosa sia solo il sintomo minore di un problema ben più grave.

Qualora la diagnosi per una patologia grave fosse positiva, ovviamente la terapia sarà da stabilirsi in base alla tipo di problema in concerto con i medici di riferimento.